A Las Vegas Motor Speedway il CIN si gioca il Jackpot

Il circus del Campionato Italiano Nascar approda nella città del gioco per gara 3. Ci sono posti dove la linea tra vincere e perdere tutto è piu sottile che altrove, sono posti dove la decisione tra capire quando è il momento di mollare tutto e quando è il momento di rischiare possono significare molto di più che in ogni altro luogo del mondo. La città del gioco, la mecca consumista che non dorme mai, dove è più facile vedere un matrimonio celebrato da Elvis che una chiesa guarda caso ha anche una pista che, soprattutto con le next gen rispecchia fedelmente la filosofia di vita dell’ambiente.Si arriva scherzando ma quando si comincia a giocare il miglio e mezzo del Las Vegas Motor Speedway è da percorrere tutto in pieno, senza respiro. In T1 ci sono sconnessioni e la presa in t3 non è facile ma il piede non si molla, ne in qualifica ne in gara. Il risultato? Una Daytona in piccolo ma con una pista più corta, più stretta e con meno bank. Senza gialle la benzina dura 60 giri circa, le gomme non sono un fattore e la bolla anche questa volta sarà il fulcro della gara. Stare in treno è l’unico modo per progredire, la corsia esterna sembra ancora inefficiente alla lunga e proprio come sui tavoli da gioco, o sulle slot machines, il piede fatato dei campioni dovrà decidere e se quando alzarsi per non compromettere aerodinamica e conto in banca.Il jackpot dopo qualche big one è dietro l’angolo ma come al solito partire davanti garantirà almeno di giocarsi qualche mano al tavolo dei big. Il Cecconi ricco di gialle e tilt ha mischiato per bene le carte, manco fosse un esperto croupier al quale lasciare poi la mancetta. Miccolis, Fabbri e gli ABS stanno facendo le prove per scappare ancora ma Iaffaldano e Cedrati questa volta sono più preparati con gli assetti.Il team USA Hot Pistons, appena nato dalla unione di Hunt e Beardsley sicuramente vorrà sedersi per giocare insieme a Belloli e i cube alla ricerca di qualche risultato da top 5. Per tutti gli altri c’è più che da ogni altra parte la speranza di una mano fortunata…Prendere un Lucky Dog da queste parti non sarebbe poi così male, prima ovviamente della notte da Leoni del CIN

Video