Displaying items by tag: rubriche

Thursday, 20 October 2022 10:44

Una Settimana Un Pilota, Daniele Fioravanti

E’ senza dubbio il personaggio del momento al CIN. Tutti parlano di lui anche se non lo vogliono dire. Nei box girano voci strane, occhiate dietro casco e cappellini tutte rivolte al numero 46. Invidia? Ammirazione? Difficile a dirsi. Due anni di gavetta poi l’esplosione in questa stagione: 4 gare di campionato, 2 assenze pervase dal mistero e due vittorie con Daytona come ciliegina sulla torta. Scopriremo mai cosa è successo nel cockpit targato Valentino Rossi nei primi 4 lunedì di questo campionato? Forse nessuno mai lo saprà, ad oggi è quasi impossibile penetrare la difesa della Scuderia Corse Atomica Meccanica in ritiro a Bristol per preparare la gara di campionato. Abbiamo però incontrato il pilota della settimana che non poteva essere nessuno al di fuori di Daniele Fioravanti, l’asso di Ascoli Piceno.

Una domanda per tutti quelli che non sono CINNERS, perchè la NASCAR in Italia?Fioravanti2

Perché la Nascar è avvincente ed imprevedibile, bisogna saper dosare coraggio e pazienza durante tutta la gara. Correre a oltre 250 km/h a pochi centimetri dal muro o da altri 40 piloti dà grandi emozioni. Girare intono è tutt'altro che noioso
Parlaci del tuo esordio al CIN
Beh, ci sono stati due esordi al CIN. Il primo più di vent'anni fa. Correvo con Gran Prix Legend per il team Ballast di Filippo Filippini, il mio primo team manager, nel campionato italiano. Uscii poi Nascar 2003 e fui catapultato nel CIN. Come tanti, partii dall'ultimo girone e, grazie anche all'aiuto del Team 7 di Vincenzo Ghiagheddu, riuscii a correre l'ultimo anno nel primo girone. Eravamo agli albori di un movimento, ma già allora si correvano gare molto intense e c'erano già dei gran manici al volante. Successivamente entrai nel mondo del lavoro e per quasi 15 anni non guidai più su un simulatore. Nel 2020, dopo una lunga negoziazione familiare, sono tornato in possesso di un volante e di un simulatore. Questo è il mio terzo anno al CIN e mi sto divertendo più di vent'anni fa. Il primo anno ho corso qualche gara da indipendente, poi l'anno scorso e quest'anno corro per il Team Scam del presidentissimo Marcello Barisione.


Il tuo TEAM? ogni quanto lavorate insieme? pensi sia importante?

I miei risultati sono strettamente correlati al TEAM SCAM. Con Marcello Barisione, Massimiliano Buratti e Giulio Paparelli c'è una grandissima intesa. L'anno scorso eravamo un team rookie composto da soli rookies. Questo ci ha permesso di crescere progressivamente gara dopo gara, errore dopo errore. La nostra volontà sarebbe di allenarci tutti giorni a tutte le ore, poi facciamo i conti con le nostre routine quotidiane. Chi ha più tempo porta avanti il lavoro per tutta la squadra.. Poi in gara ci sproniamo e ci diamo suggerimenti, oltre a farci anche delle gran risate. Mi ripeto, senza la SCAM non avrei mai potuto raggiungere le due vittorie al CIN. Spero arrivi presto il turno dei miei compagni di squadra, perché se lo meritano.
Chi è il tuo pilota preferito nel mondo dei motori?
Valentino Rossi n.46 . Dire che sono un suo fan è riduttivo, più un discepolo. Welkom 2004 e Laguna Seca 2008 due gare che a mio avviso rimarranno per sempre impresse nella storia dei motoriFioravanti3

Da dove vieni, quali sono i tuoi hobby?

Questo il mio identikit: sposato con Federica, due magnifici figli gemelli Emanuele e Beatrice, infine due gatti in casa non miei. Sono marchigiano di Ascoli Piceno che dicono abbia la piazza più bella d'Italia (Piazza del Popolo). Hobbies troppi, il jogging la mattina alle 06.30 è quello che pratico di più...oltre ovviamente ad essere un pilota cinners. Lunga vita al CIN!

Published in Rubriche
Friday, 30 September 2022 14:18

Conosciamo meglio il nostro Matteo Pittaccio

Insieme a Marco Barbanera e Gian Luca Guiglia è il cuore pulsante della diretta del CIN…la sua voce il modo migliore per lanciare on air la passione di chi sin da piccolo adora motori e..ovali. Matteo Pittaccio ha reso il lunedi sera un appuntamento fisso anche per chi, da appassionato vuole godersi una gara e tutto quello gira attorno al CIN. Poi diciamocelo, che bello è dire in giro che la nostra gara è commentata da una vera voce di Sky!
La community era ansiosa di conoscerlo e allora per una volta invece che UN PILOTA vi presentiamo UN COMMENTATORE, sicuri del fatto che sia assieme a tutti i piloti un motivo in più per fare parte del CIN.

Passione a 4 ruote da sempre. Una carriera che poi ha svoltato a sinistra, caso o un occhio di riguardo per mondo USA?
Esatto, la passione per i motori e per le competizioni a quattro e due ruote è sempre stata al primo posto. Come molti, da piccolo ho iniziato a seguire la Formula 1 insieme a tutta la famiglia, in particolar modo con mamma, zio e nonno. Crescendo mi sono aperto a sempre più categorie grazie alla lettura e, soprattutto, ad Internet. Quest'ultimo è stato il luogo in cui ho iniziato a guardare le prime gare della Indycar (credo che nel 2009) e da lì sono poi passato all'Endurance, forse l'espressione che più mi piace del motorsport. Per quanto riguarda la NASCAR ricordo di aver visto le prime gare su Sportitalia nel 2010 e di aver trovato nel concetto di StockCar qualcosa di veramente diverso e affascinante!

unknownCome si diventa telecronisti, quali sono i consigli per chi comincia? Che soddisfazione da trasmettere una passione ad altri appassionati?

" Domanda molto difficile perché credo che un vero e proprio percorso non ci sia, è tutto soggettivo. Quattro anni fa ho avuto la fortuna di trovarmi al posto giusto nel momento giusto e, una volta iniziata quest'avventura, di esser seguito e supportato dalla persona giusta. La mia passione per le telecronache risale agli anni della PS2, quando commentavo le gare utilizzando la modalità spettatore dei vari F1 (cosa strana lo so ahaha), ma a dirla tutta iniziai a pensare di voler diventare un telecronista negli anni delle superiori. Mi divertivo tantissimo a commentare le gare virtuali e così decisi di sfruttarle sia per capire come avrei potuto migliorare il racconto sia come dimostrazione pratica da allegare nel curriculum. A chi persegue l'obiettivo di diventare telecronista consiglio proprio di iniziare con il simracing, che oggi replica davvero benissimo le dinamiche delle gare reali. Per quanto riguarda la soddisfazione nel trasmettere la propria passone sì, è veramente tanta. Nel mio piccolo sto cercando di far capire quanto sia affascinante la Indycar, generalmente ignorata o criticata dallo spettatore medio. Quando riesco a portare nuovi amici e appassionati a seguire la categoria mi sento decisamente appagato, è una sensazione bellissima! "

C'è futuro per il motorsport USA in italia, cosa dicono dati e risposta del pubblico su ovali e NASCAR?

Il Motorsport USA avrebbe un grande potenziale in Italia. Utilizzo il condizionale perché purtroppo il nostro paese gira quasi esclusivamente intorno alla Ferrari ed alla F1 quando, in realtà, altre categorie come Indycar e NASCAR sarebbero in grado di far divertire se spinte e supportate nella maniera giusta. Quest'anno, ad esempio, ho veramente apprezzato il lavoro di Sky, che ha dato credito alla Indycar trasmettendo prove libere, qualifiche e gare. Nessuno prima di Sky l'ha mai fatto e sono certo che questo sia stato il modo giusto per promuovere una categoria e renderla attraente anche a chi guarda solo la F1. Spero che un giorno lo stesso discorso si possa fare con la NASCAR, gli strumenti ci sono!

E' più difficile commentare live una gara CIN o una reale in diretta su SKY?

" Allo stato attuale direi che commentare una gare reale si più difficile di una del CIN. Questo perché nelle live del CIN la maggior parte del lavoro lo fa il grande Marco Barbanera che, insieme a Gian Luca Guiglia, mi fornisce tutti i mezzi per commentare nella maniera più semplice possibile! A parte questo, come detto primaIndy500Start le gare virtuali sono molto simili alle controparti reali quindi alla fine in quanto a difficoltà siamo lì. Ciò che rende il mondo reale più complicato si ritrova, probabilmente, nella gestione dei tempi tra gli ampi pre-gare, gli stacchi pubblicitari ed il palinsesto da seguire. Per il resto il play-by-play è veramente simile."

Quando parteciperai anche tu ad una gara del CIN, con quali macchine ti diletti su IRACING?

"Bella domanda! In questo momento se guidassi nel CIN potrei fare solo danni ahahaha. Scherzi a parte mi piacerebbe molto partecipare ad una gara, anche se mi servirebbe davvero tanto tempo per prepararmi ed evitare di dare fastidio ai piloti più competitivi. Tuttavia, appena mi sentirò pronto sarà davvero felice di correre. Passando alle macchine, su iRacing mi diverto tantissimo con le IR-18 della Indycar, le LMP1 e la Dallara P217 LMP2, queste sono le tre auto con cui preferisco girare."

Il sito ufficiale di Matteo : Matteo Pittaccio - Telecronista Motorsport

Twittee : MatteoPittaccio (@matteopittaccio) / Twitter

Published in Rubriche
Tuesday, 23 August 2022 15:47

Amarcord, Nascar Magazine Online Vol.4

Con i nostri magazine siamo arrivati al numero di Febbraio 2003!
#cincupesportsseries #CIN #campionatoitalianonascar #iracing #nascarracing #esports #simracingleague
Ecco anche la versione da scaricare
Buona lettura
 
 
Published in Rubriche
Tagged under
Wednesday, 17 August 2022 16:10

Amarcord, Nascar Magazine Online Vol.3

Siamo arrivati alla 3 edizione del NASCAR Online Magazine ed era Dicembre 2002.
Ecco anche la versione da scaricare
DOWNLOAD
Buona lettura

Published in Rubriche
Tagged under
Tuesday, 09 August 2022 15:16

Amarcord, Nascar Magazine Online Vol.2

Siamo arrivati alla 2 edizione del NASCAR Online Magazine ed era Ottobre 2002.
Ecco anche la versione da scaricare
DOWNLOAD
Buona lettura

Published in Rubriche
Tagged under
Thursday, 04 August 2022 14:30

Amarcord, Nascar Magazine Online Vol.1

Ripercorriamo il passato anche con i nostri Magazine, questo era il primo volume dedicato al CIN, sono passati 20 anni da allora. 
Ecco anche la versione da scaricare
DOWNLOAD
Buona lettura.

Published in Rubriche
Tagged under
Tuesday, 02 August 2022 15:14

Amarcord, NOC Magazine News

Con i motori spenti e in attesa della nuova stagione, vogliamo riproporre il nostro passato con i Magazine realizzati per il campionato in questo caso era il NOC il preludio della nascita del CIN.

Troverete i magazine da scaricare nella nostra sezione DOWNLOAD

Buona lettura.

Published in Rubriche
Tagged under
Thursday, 14 July 2022 20:10

Il Campione CIN 21/22, Marco Iaffaldano #97

Noi del CIN lo avevamo detto subito che la finalissima 2022 sarebbe potuta essere la gara di “Iaffa”. Era un pronostico si, ma nemmeno tanto difficile nonostante i mostri sacri della stagione Miccolis – Cedrati giunti allo scontro finale e l’esperienza di Fabbri. Sarà stato il caldo di Phoenix, molto simile a quello in Italia nelle ultime settimane, sarà stata la possibilità di preparare la gara in maniera diversa ma i tempi, il ritmo e la l’atteggiamento in pista e fuori erano quelli dei grandi campioni. Certo venire da Imola è già una grande responsabilità, essere nello staff del CIN ancora di più: dopo ore e ore passate a correggere skin strampalate per mettere ordine al field è venuto il tempo per il figlio nato nella culla dei motori made in italy di fare un salto oltre oceano e vincere in maniera cosi netta da non lasciare dubbi una gara che per tanti motivi entrerà nella storia. Lasciamo a Marco il racconto di questa ultima settimana che difficilmente sarà dimenticata.

marcoiaffaldano2021“Una gara cosi non l'ho mai fatta in vita mia! Sono strafelice! Il pregara è stato tosto, la tensione si tagliava con il coltello! La qualifica non è stata perfetta, ma è bastata per partire davanti. Ho fatto i primi 20 giri cercando di non prendere troppo vantaggio su Niccolò, Tony e Alessio, avevo paura di bruciare le gomme e crollare. Con l'arrivo dei primi doppiati è stato tutto più facile, ho smesso di controllare dietro e ho cercato solo di evitare incidenti. L'unico momento thrilling della gara è stato dal giro 115, avevo deciso di rientrare per anticipare le mosse di tutti i miei avversari, poi una discussione con Gianca su quest'azzardo (durata per più di qualche giro) mi ha fatto perder di vista Niccolò! Solo dopo 3 giri dal suo pit ho capito che era rientrato per fare un undercut, però avevo abbastanza vantaggio per poter gestire anche questa dormita. Il recupero finale su Tony sapevo già di riuscire a farlo perchè avevo testato la stessa situazione nei test, a quel punto ero in trans e non ho più fatto calcoli. Quando Barney ha sventolato la bandiera bianca mi sono reso conto che avevamo fatto tutta la gara in verde, ormai non capivo più niente!!!
Hai mai pensato di non farcela quando ad inizio anno hai rischiato di non partecipare alla fase finale?
Onestamente il successo a Daytona, prima gara della stagione, mi ha tolto un po' di stimoli e non ho più trovato la concentrazione giusta, alti e bassi fino alla vittoria inaspettata a Dover. Poi lo stop forzato di quasi 2 mesi e il rientro a Michigan per saggiare la nuova auto completamente modificata. Un trauma. I pericoli maggiori li ho corsi nel round of 16, solo grazie alla squalifica di Domenico La Barba sono riuscito ad accedere alla fase successiva. Dopo ho ritrovato il ritmo. Due secondi posti in gare super combattute ad Atlanta e Texas, inframezzate da un sesto posto al Roval senza un giro di test, una sorprendente vittoria in Kansas e Martinsiville in hotel. Top!marcoiaffaldano
Hai capito subito di essere il più veloce a Phoenix?
Essendo stato in vacanza tutta la prima settimana di test, ero consapevole di essere molto più indietro degli altri finalisti. I primi giri li ho fatti al Cecconi, con poca fortuna. Da martedi ho iniziato a lavorare al setup e con tanti click fortunati, qualche consiglio "rubato" ai team avversari, il cestinamento definitivo della telemetria e di tutte le guide di setup raccattate nei forum, mi son trovato tra le mani un setup che si è rivelato incredibile. Ero convinto che tutti si stessero nascondendo, mi veniva tutto troppo facile, invece ho solo dovuto solo gestire la mia foga in gara.
In poche parole sta l’uomo. I complimenti da parte del CIN al nuovo campione Marco Iaffaldano.

Cosa fa un grande campione quando vince? Ringrazia chi ha reso possibile che il suo talento abbia prevalso, consapevole di quanto sia la squadra, sempre, fare la differenza.

Grazie ad Alessio per il culo quadro che si fa per mandare avanti tutta la baracca. Lui è l'Admin. Io sono solo un aiutante di Babbo Natale. Senza di lui non saremmo riusciti a formare questa super squadra per la gestione di tutto il campionato.
Grazie anche a Beppe che ha lavorato fino a quando ha potuto a questo campionato.
Grazie a Stefano e Marco, regia e telecronaca sempre Top! Niente da invidiare alle tv nazionali... se solo iracing aiutasse un po' di più a capire certe situazioni :/
Grazie a un super Gian Luca Guiglia, che di una passione ha fatto un lavoro incredibile! Tanta invidia da parte mia :D
Grazie ai miei portafortuna Matteo e Francesco che nelle loro gare del debutto in telecronaca nel Cin mi hanno portato alla vittoria. Ringrazio pure Edoardo, anche se ha scelto una gara che non potevo vincere :D
Grazie a Mauri, per viste e interviste, mi mancano le incursioni dallo studio :D
Grazie a Marcello, rimango sempre basito tutte le volte che in due secondi scrive un articolo, parole a comando!
Grazie a Fabrizio, che si è preso sul groppone tutta la riconfigurazione delle patenti, con ottimi risultati.
Grazie a Mauro, che con il suo aiuto sulle skin mi ha levato un grosso peso.
Grazie a Matteo e Vince per stare sempre nascosti all'ombra in dg, ma dare il contributo giusto quando serve.
Grazie a Paolo e Rocco che si sono presi il tempo di farci fare una finale senza un problema, senza la vostra presenza sarebbe stato un disastro :D
Grazie ai pazzi che hanno deciso di darmi fiducia e mi chiedono consigli sui set (siete pazzi davvero, click a caso forever).
Grazie a Daniele, Ivan e Matteo, Antonio e Alessio e Giacomo che hanno fatto nascere il setup definitivo per la finale.
Grazie a tutti quelli che mi sto dimenticando :/
Grazie agli ABS e Pegaso, senza di voi non avrei fatto nulla quest'anno.
Grazie ai Criceti scalcagnati, abbiamo perso pezzi per tutto l'anno, prima uno, poi l'altro, poi tutti e più nessuno... siamo fritti nell'anima.
Grazie alla mia famiglia che mi ha rinchiuso in uno sgabuzzo per liberarsi di me qualche ora ogni tanto...
Grazie a tutti i piloti del Cin, dal primo all'ultimo. Questa passione è complicata da coltivare, però è una cosa che ci accomuna e, anche se le gare sono competizione, la cosa più importante e più difficile da mantenere è la community. E' un lavoro che va fatto tutti assieme e, chi più chi meno, tutti ci mettiamo del nostro (anche se si può fare sempre meglio). Spero che si riesca a fare un raduno al più presto!
A fine gara mi avete fatto emozionare, non mi aspettavo un'ovazione del genere su discord! Tutti avete avuto belle parole per me e questo vale più della vittoria. Davvero grazie!
Ancora non ci credo, ho vinto il CIN! Biiiiiiiiiissssss!!!!!!!!!!!?

 

Published in Rubriche